Il Kirin 990 non batte lo Snapdragon 855 Plus

di Claudio Stoduto 0

Huawei nella giornata di ieri ha ufficialmente presentato anche il suo nuovo processore top di gamma per quanto riguarda il mondo degli smartphone. Parliamo ovviamente del tanto decantato Kirin 990 di ultimissima generazione che verrà montato sui nuovissimi prodotti della linea Mate 30.

Non potevano non partire sin da subito le indiscrezioni in merito a quello che era un super confronto con il nuovo Snapdragon 855 Plus che vedremo a breve anche sui primi smartphone della concorrenza.

Andando ad analizzare quanto visto in queste ore su AnTuTu, un noto software di benchmarking, il nuovo processore di Huawei ha totalizzato la bellezza di ben 457357 punti. Si tratta del punteggio più alto mai ricevuto da un prodotto della serie Kirin ad oggi immesso sul mercato, ma allo stesso tempo anche un prodotto che non è il migliore in assoluto fra quelli passati in questi anni all’interno di questo software di test. Il prodotto di Qualcomm ha infatti totalizzato la bellezza di 469708 punti a bordo di un nuovissimo Blach Shark 2 Pro o 469590 sul nuovo ASUS Rog Phone 2.

Insomma sebbene poca, potremmo tranquillamente dire che un po’ differenza all’atto pratico fra le varie CPU analizzate ci potrebbe tranquillamente essere. Parliamo ormai di prestazioni altissime e che, nell’uso quotidiano specialmente, non si nota nemmeno anzi tutt’altro. Va detto però che allo stesso tempo potremmo tranquillamente parlare di un primato in tal senso per Huawei che quindi non si potrebbe definire come la campionessa di potenza bruta, almeno non con questo suo processore.

D’altro canto però nei test legati alla AI, il nuovo Kirin 990 5G di Huawei ha realizzato un punteggio superiore al suo avversario di Qualcomm. Insomma potremmo ipotizzare quindi che si, la potenza sarà inferiore a quella della controparte americana, ma allo stesso tempo abbiamo davanti una CPU che ha puntato moltissimo su quello che probabilmente avrà il futuro di tutto questo settore da qui ai prossimi anni.

Siamo certi che si tratta solamente di una primissima sfida e che nel corso delle prossime settimane arriveranno e proseguiranno ulteriori confronti e “battaglie” fra quelli che possiamo definire i due processori di riferimento nel mondo mobile Android.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link