YouTube dice che gli insulti omofobi non violano le sue politiche

di Luca Crocco 0

Incredibile, ma vero. YouTube ha detto a un giornalista gay che le molestie omofobiche ricevute da un importante canale non violano le sue politiche.

Youtube, ha raccontato al reporter di Vox, Carlos Maza che i commenti di Steven Crowder, che ha oltre 3,8 milioni di iscritti, e si concentra sulla sua sessualità ed etnia rientrano nelle politiche della piattaforma. Youtube, che conta due miliardi di utenti mensili, ha dichiarato su Twitter di aver trascorso “gli ultimi giorni” esaminando una denuncia presentata da Maza, il quale sostiene che Crowder lo abbia schernito con commenti razzisti e omofobici.

Tuttavia, nonostante abbia ammesso che Crowder ha usato “un linguaggio chiaramente offensivo”, la compagnia ha detto che lo show rispetta i canoni messi a disposizione della piattaforma. Ciò significa che i video rimarranno visibili sul sito e il canale di Crowder non sarà punito.

Leggi Anche: YouTube disabilita i commenti sui video con bambini

Crowder, ha definito la situazione come una battaglia tra media consolidati, come Vox, e creatori indipendenti come lui stesso.

“Non si tratta di me contro un ragazzo di Vox. Questo è un esempio di una gigantesca corporate media che cerca di mettere a tacere le voci che non gli piacciono “, ha detto in un video pubblicato il 31 maggio.

Oltre ai commenti, Crowder vende anche una gamma di prodotti, comprese le magliette, che generano entrate per il canale YouTube. La collezione include t-shirt etichettate come “Socialism Is For Fgs”.

Il negozio online di Crowder è gestito da Shopify, che dichiara illegale il suo servizio utilizzato per “contenuti di odio”, inclusa la discriminazione basata sull’orientamento sessuale, secondo i suoi termini e condizioni.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link