Spotify potrebbe presto introdurre le sue Stories

di Claudio Stoduto 0

Sembra che nel futuro più prossimo di Spotify possano esserci delle novità estremamente interessanti e che potrebbero da un lato piacere agli utenti. Dall’altro però ci si potrebbe andare ad inserire in un settore, come quello dei social media, che rischierebbe di creare non poca confusione. Ma andiamo un attimo con ordine.

Stando a quanto è stato riportato nel corso di queste ultime ore, alcuni utenti avrebbero ricevuto l’introduzione di una nuova sezione direttamente sul proprio account di Spotify. Oltre alle più classiche voci relative alla libreria ed alla ricerca si potrebbe aver visto l’introduzione di questa nuova Storyline che potrebbe lasciare intendere già tutto dal singolo nome. Non si tratterebbe di nient’altro se non della iniziale introduzione di alcuni filmati video collegati alla riproduzione attuale dei brani in ascolto. Grazie anche alla collaborazione con il sistema di database dei testi Genius stretta nel lontano 2016, Spotify sarebbe stata in grado di realizzare questo genere di “carte” (così vengono definite). In realtà un concetto abbastanza simile lo vediamo spesso già oggi durante la riproduzione di un brano con dei contenuti inediti ed unici. In aggiunta a questo, oltre ad avere una sezione completamente dedicata, gli artisti potrebbero facilmente aggiungere dei propri contenuti da far visualizzare e scorrere con il più semplice dei tap sullo schermo. Al momento non sembrano poterci essere speranze per vedere qualche cosa di simile legato anche per i singoli utenti paganti.

Has anyone else noticed the new "Storyline" feature on Spotify? from popheads

Da questo punto di vista non possiamo che dire che si tratti semplicemente della volontà di voler seguire cosa il mercato ha già imposto o meglio cosa Facebook ha imposto. Il colosso dei social network, dopo aver preso spunto da Snapchat ed averlo poi letteralmente demolito,  ha infatti portato il concetto delle Stories praticamente su ogni genere di prodotto appartenente alla sua piattaforma e “costringendo” i concorrenti ad adeguarsi verso questo nuovo standard in maniera del tutto casuale se vogliamo divenendo una sorta di concetto da cui non potersi staccare. Cosa voglia fare effettivamente Spotify in tal senso ancora forse non è nemmeno chiaro alla stessa azienda che però vuole provare ad offrire qualche cosa di diverso ai propri utenti ed allo stesso tempo qualche cosa che, nel suo settore, nessuno ha ancora portato. Va detto però che integrare dei social, o servizi simili, all’interno delle piattaforme di streaming musicale ad oggi non hai realmente funzionato. Chiedete ad Apple con tutti i suoi esperimenti e fallimenti. Basterà questo aspetto per stravolgere il mercato?

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link