Auto elettriche: Google Maps mostrerà le stazioni di ricarica

di Claudio Stoduto 0

Il mondo dell’automobile sta ufficialmente cambiando nel corso di questi ultimi anni e dal 2020 sicuramente avremo a disposizione un parco auto completamente diverso rispetto a quello che abbiamo conosciuto sino ad oggi. L’incentivo di passare ad un modello elettrico sarà sempre maggiore al punto tale da convogliare non pochi utenti verso un potenziale passaggio.

Detto questo la notizia di oggi è molto interessante per tutti coloro che hanno intenzione o magari sfruttano già oggi una macchina elettrica e che quindi, per ragioni tecnologiche, hanno bisogno delle stazioni di ricarica per poter continuare ad usare la propria automobile.

Google Maps ha annunciato proprio in queste ore che da oggi ci sarà la possibilità di poter visionare all’interno della propria applicazione anche le colonnine di ricarica tanto ambite così da poterci rapidamente navigare senza rimanere a secco.

In questo preciso istante, alla data di stesura di questo articolo, il servizio è stato solamente attivato per il territorio americano ed inglese. Nel corso poi dei prossimi mesi, anche a seconda degli accordi che verranno presi, siamo certi che questo limite territoriale potrà facilmente cambiare ed essere quasi del tutto rimosso. Ad oggi non saranno disponibili tutti i fornitori di questi servizi, ma l’accordo prevede solamente la presenza sulle mappe di: Chargemaster, EVgo, SemaConnetct ed a breve anche Chargepoint. L’indicazione che verrà fornita all’interno della schermata della nostra applicazione darà anche delle informazioni in più sul punto di ricarica come ad esempio, una cosa molto importante, il numero delle prese libere al momento e l’eventuale possibilità, tramite un sito esterno, di prenotarne una. Ma non finisce qui perché ovviamente non tutte le auto hanno la medesima porta di ricarica per cui verrà anche fornita la possibilità di sapere quale tipo di presa è presente all’interno della stazione e soprattutto anche la velocità di ricarica a cui potremmo accedere. Insomma avremmo la possibilità di poter calcolare tutti i tempi necessari ancora prima di arrivare alla stazione di ricarica.

Detta così sembrerebbe di avere davanti a noi il pannello centrale di una Tesla. In realtà sarà tutto compatibile con il nostro smartphone ed anche con Android Auto di conseguenza. Sicuramente questo passo di Google Maps andrà ad aiutare gli utenti di questo genere di auto velocizzando magari anche il processo di cambiamento dalla classica stazione di rifornimento a benzina a queste di ricarica per la corrente elettrica. Attendiamo ovviamente delle conferme per l’arrivo anche in Italia nel corso dei prossimi mesi.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link