Huawei:al lavoro su un suo sistema operativo per smartphone e PC

di Claudio Stoduto 0

Torniamo a parlare di Huawei ma questa volta non per mettere a confronto alcune specifiche dei tanto chiacchierati nuovi P30 che vedremo il prossimo 26 marzo, quanto piuttosto per una notizia che di grande rivoluzione quanto allo stesso tempo qualche cosa di già vista (e purtroppo non in un’ottica positiva).

Nello specifico sono emerse in queste ore non poche notizie riguardati un possibile coinvolgimento del colosso cinese all’interno di quella che in molti hanno definito come un possibile cambio epocale. Pare infatti che Huawei, e ci sono delle conferme in tal senso, stia continuando a lavorare al progetto di sviluppo di un suo sistema operativo da poter poi quindi far girare sui suoi prodotti. Se state pensando ad un concorrente di Android vi state sbagliando perché la visione del colosso cinese è ben più ampia in tal senso ed andrebbe ad includere persino i tanto chiacchierati Matebook che abbiamo apprezzato nel corso di questi ultimi anni.

La società cinese ha confermato il tutto in queste ultime ore pur confermando che le sue partnership con Google e Microsoft non cesseranno, almeno per il momento. È chiaro che era doverosa una spiegazione così come una sorta di risposta a questo genere di notizie che sicuramente avrebbero potuto anche incrinare i rapporti con i due colossi dello sviluppo software. Anzi vi diremo persino di più Huawei si è spinta nel dire che userà il suo sistema operativo solamente nel caso di situazioni estenuanti, questa è la traduzione più logica di quanto riportato. Che cosa poi si voglia intendere in tal senso non è chiaro anche perché diventa molto semplice al giorno d’oggi rompere un accordo commerciale anche con un partner soprattutto quando si è poi nella situazione di vantaggio che Huawei si starebbe creando.

Guardando però indietro la storia, questo genere di operazioni non ha portato ancora ad oggi alla nascita di un qualche cosa di concreto e che fosse almeno in grado di fare il solletico ad Android ed iOS. Con tutto il bene che vogliamo a Huawei è chiaro che la strada da fare non è molta, nemmeno moltissima. È forse di più di quanto tutti noi possiamo pensare ed immaginare ad oggi. Rivedendo Tizen ad esempio o lo stesso Windows 10 Mobile le aspettative dovranno essere sicuramente molto alte così come la necessità di dover sbancare il mercato con almeno un prodotto che possa poter dire la sua nei confronti della concorrenza. La grande sfida potrebbe riguardare la diffusione delle applicazioni che per forza di cose dovranno provenire da uno dei due OS principali. Infatti gli sviluppatori non si metteranno mai a dover sviluppare specificatamente per un singolo sistema operativo tanto che persino Microsoft o la stessa Amazon si sono poi dovute aprire nei confronti delle applicazioni .apk derivanti da Android. Per non parlare poi della compatibilità con le applicazioni desktop che anche in questo caso non potranno essere differenti da un eseguibile di Windows, un pacchetto di Linux o magari un package di macOS.

Si tratta di un progetto ambizioso specie se consideriamo la potenza di fuoco di Huawei nel suo insieme. Certo è che la storia non è dalla sua parte così come il mercato e se ha desistito un colosso come Microsoft noi non la vediamo rosea come situazione. A questo punto non ci resta che attendere e vedere se prima o poi ci sarà un assaggio di questo nuovo sistema operativo proprietario.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link