Xiaomi lancia la nuova Mi Box 4 SE ad un prezzo stracciato

di Claudio Stoduto 0

Quando parliamo di Xiaomi sappiamo benissimo come si tratti anche di una società che non c’entra soltanto con il mondo degli smartphone. Nel corso di questi anni infatti la società è riuscita anche a creare un suo ottimo ecosistema composto da vari prodotti tutti disseminati in varie categorie appartenenti al grande mondo tecnologico. Dagli orologi fino ad arrivare poi ai monopattini da usare in strada.

In queste ore la società cinese ha voluto nuovamente aggiornare quello che per molti è considerato il miglior tv box del settore odierno. Parliamo dello Xiaomi Mi Box TV che questa volta cambia leggermente nome divenendo Xiaomi Mi Box TV 4 SE.

Come potrete facilmente intuire dal nome stiamo parlando di un dispositivo che punterà tutto sul fattore prezzo. Xiaomi ha infatti deciso, nonostante costi pochissimo anche il modello più potente, di scegliere questa soluzione da offrire al mercato per cercare di acchiappare una ulteriore fetta di utenti. La sfida è ovviamente lanciata nei confronti di Google che con i suoi Chromecast domina buona parte della scena pur essendo dei prodotti molto diversi da questo punto di vista. Parliamo infatti di un dongle contro un vero tv box che, all’atto pratico e con le giuste applicazioni, può trasformarsi anche in qualche cosa di più.

Analizzando più da vicino quanto è è stato presentato in queste ore, siamo davanti ad un prodotto che monterà un processore Cortex A7 quad core insieme ad una GPU Mali 400, 1 GB di memoria RAM e 4 GB di spazio interno dedicato all’installazione delle applicazioni e/o dei giochi. Certo, a differenza del modello più costoso, perdiamo molto in termini di spazio soprattutto considerando il fatto che non si tratta di un prodotto dotato di una memoria espandibile per cui valutate bene in fase di acquisto. Detto questo non manca poi il supporto alle reti Wi-Fi fino al protocollo N che però questa volta saranno semplicemente in single band. Sarà presente anche una porta USB tradizionale tramite la quale sarà quindi possibile collegare prodotti esterni come ad esempio degli hard-disk o periferiche di input. Viene anche mantenuto il collegamento HDMI per poter trasferire il segnale video direttamente al monitor in questione, scongiurando quindi la possibilità di vedere un micro HDMI che in tanti invece aveva spifferato nelle settimane scorse.

La chicca finale? Il prezzo. Sul mercato cinese verrà ufficialmente venduta ad una cifra vicina ai 28 dollari. A conti fatti, ed al cambio attuale, siamo intorno ai 24 euro di listino. Praticamente quasi la metà del prezzo di un Chromecast di Google venduto e spedito qui dall’Italia. A questo punto però bisognerà capire un paio di aspetti. Prima di tutto il sistema operativo, in questa fase iniziale, sarà solamente pensato per il mercato cinese e quindi chiuso da questo punto di vista. Potrebbe quindi creare qualche problema così come successo all’inizio della commercializzazione del vecchio modello. In secondo luogo, che in realtà è poi molto concatenato a questo, siamo davanti ad un prodotto che potrebbe anche non arrivare in Europa visto che, al momento, non ci sono state conferme da questo punto di vista anzi.

Attendiamo sviluppi nel corso delle prossime settimane, ma siamo certi che sarà un altro super prodotto di Xiaomi e che potrà facilmente vendere parecchio.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link