Facebook, l’UE pretende più sicurezza dal social network

di Luca Ansevini 0

Non si sono certo mitigate le polemiche relative a Facebook e allo scandalo Cambridge Analytica, uno scandalo in cui l’UE vuole vederci molto chiaro per evitare nuove intrusioni del social network all’interno della politica dei singoli stati.

I dati elargiti da Facebook in relazione allo scandalo potrebbero infatti aver sensibilmente influenzato diverse campagne politiche a cominciare dalla Brexit per finire con le elezioni americane, che hanno visto la vittoria di Donald Trump.

Dopo l’ormai noto colloquio con il creatore di Facebook Mark Zuckerberg l’UE ha deciso di lavorare a diverse strategie che impediscano ulteriori intromissioni (volontarie o meno) da parte del social network nelle campagne politiche. Tra le strategie al vaglio del parlamento europeo l’imposizione di campagne elettorali “offline”, la segnalazione di annunci politici a pagamento e il divieto di creare profili elettorali.

E’ inoltra da segnalare una nuova multa al colosso di Zuckerberg proprio in relazione allo scandalo che ha coinvolto il social network. Nella giornata di oggi infatti l’Information Commissioner’s Office del Regno Unito ha multato Facebook di ben 500.000 sterline proprio per non aver implementato controlli sufficienti al fine di prevenire l’accesso di malintenzionati ai dati degli utenti. Una brutta tegola che sicuramente va ulteriormente ad inguaiare il social network, ormai in caduta libera sia a livello di immagine che di utenza. 

Cosa ne pensate? Voi utilizzate ancora i servizi offerti da Facebook?

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link