Qualcoom rivela il nuovo Snapdragon Wear 3100

di Claudio Stoduto 0

Torniamo finalmente a parlare del mondo wearable con Qualcomm che torna al centro dell’attenzione mediatica con lo Snapdragon Wear 3100, una nuova CPU che andrà ad equipaggiare alcuni dei nuovi prodotti del settore.

Nel corso dell’evento appena conclusosi a San Francisco, la società americana ha mostrato come dopo due anni di intenso lavoro abbia finalmente tirato fuori qualcosa in merito al mondo indossabile. Il focus centrale è la durata della batteria che, a detta della società, dovrebbe essere superiore ad ogni attesa ed in linea con quanto ci si aspetterebbe da un prodotto del genere. Qualcomm ha precisato come il suo lavoro sia stato quello di voler andare a centrare sin da subito il suo focus centrale di questa categoria di prodotti i quali, Apple Watch a parte, hanno un po’ sempre steccato ad eccezione dei prodotti di Xiaomi e del glorioso Pebble a suo tempo.

Il nuovo Snapdragon Wear 3100 lavorerà con quattro CPU A7 che saranno in grado di ottenere delle performance mai viste sino ad oggi su un prodotto di questo genere. Inoltre, un po’ come su alcuni smartphone, verrà anche integrato il processore a basso consumo per quelle operazioni tradizionali e standard dove la potenza bruta non viene richiesta in maniera tale da risparmiare (e non poco) in termini prestazionali. A conti fatti ed a quanto detto sul palco, l’incremento di prestazioni energetiche dovrebbe essere nell’ordine dalle 4 fino alle 12 ore rispetto alla generazione precedente.

Ma non finisce qui perché pare che questo genere di processore sarà il compagno di viaggio di tutta una serie di modelli che vedremo da qui alle prossime settimane. Il target di riferimento è quello dei potenziali nuovi prodotti di lusso con cui si vorrebbe cercare di contrastare Apple e la sua posizione dominante con Apple Watch.

Qualcomm quindi non si arrende ed anzi rilancia ulteriormente la propria sfida all’interno del settore. L’intento è quello di voler assolutamente dare un’opportunità al mercato e, soprattutto, un’alternativa.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link