Facebook: risolto grave Bug che investiva 14 Milioni di profili

di Nikolas Pitzolu 0

Nel mese di maggio Facebook ha avuto un problema legato alla modifica delle impostazioni di privacy legate ai post: lo riferisce ufficialmente l’azienda.

I problemi per il Social Network più popolato al mondo non si fermano. Dopo le ultime notizie riguardanti il difficile rapporto con quattro società localizzate in Cina – Huawei tra tutte – ora si scopre che nel mese di maggio la piattaforma tutta ha avuto un problema legato alla privacy dei post pubblicati da 14 milioni di profili.

A portarlo alla luce è stato proprio Erin Egan che attualmente è a capo dell’ufficio che si occupa della Privacy di ciò che gli utenti pubblicano sulle pagine dedicate del Social (ma non si occupa dei rapporti con le aziende esterne).

Asse Facebook-Huawei: i dati privati sono condivisi. Huawei: “mai ricevuti”

Nell’arco di 10 giorni nello scorso mese di maggio, 14 milioni di utenti (quindi altrettanti profili virtuali) hanno avuto un problema legato alla privacy dei propri post.

Se postavamo, ad esempio, un contenuto o una frase con la privacy settata su “amici” è possibile che quella frase possa essere stata letta come se avessimo impostato l’attributo “pubblica”, quindi vista da qualsiasi persona (anche non amici).

Il capo della Privacy si è scusato pubblicamente con gli utenti che possano aver notato il problema e che, nel mentre, sono stati completati i lavori per correggere il bug.

Come facciamo a sapere se questo bug ha colpito anche il nostro/vostro profilo? Semplice, una notifica nei prossimi giorni ci/vi raggiungerà e informerà che il tutto è stato reimpostato alle condizioni iniziali: una sorta di Reset afferma il dirigente.

Insomma, i problemi paiono non avere fine per Facebook! Per lo meno, quello che vi abbiamo raccontato in queste righe, è relegato solo ed esclusivamente alla piattaforma Blu, senza fuoriuscite verso l’esterno.

Queste ci sono state con i vari problemi che si sono susseguiti durante il corso del tempo, partendo da Cambridge Analytica chiaramente.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link