Snapdragon 670: performance da Snapdragon 835 e dall’alta efficienza energetica!

di Nikolas Pitzolu 0

In casa Qualcomm sono stati avviati i test finali per portare in fase di produzione il nuovo Snapdragon 670: si parte dal top di gamma Snapdragon 835 ma si ottimizza l’efficienza energetica.

Diciamocela tutta, per l’utilizzo dell’utenza media un SoC medio di gamma – attualmente – non ha nulla da invidiare e da chiedere ulteriormente rispetto ad un SoC top di gamma.

Se ci rifacciamo ad esempio ai già presenti SoC del produttore Americano, Snapdragon 660 e Snapdragon 835, ci rendiamo conto come a parità di capacità di batteria il SoC mid range consuma molto meno nell’uso generalizzato.

Questo perché vuoi per come è stato studiato, per i suoi limiti architetturali, per quello per cui è stato effettivamente creato, chiaramente, assorbe meno energia di un chipset al top con frequenze più alte e capace di sprigionare una potenza bruta incredibile, anche sulla parte relativa alla grafica.

Quindi il punto è che se un utente non ha bisogno di portare all’estremo uno smartphone nell’uso quotidiano, si potrebbe propendere ad acquistare uno smartphone con SoC medio di gamma, che costa anche relativamente meno!

In aggiunta a questo ragionamento c’è da dire che Qualcomm ogni anno porta ancora più su l’asticella delle prestazioni delle architetture medie e con la notizia di oggi parliamo dello Snapdragon 670 che sarà realizzato con il processo produttivo a 10 nm LLP, identico a quello che Qualcomm utilizza per l’alta fascia.

La nuova piattaforma hardware, dal nome in codice SDM670, funzionerà con due Core DynamIQ e altri 6 con set d’istruzioni derivate dai Cortex. Ha integrato nel proprio Socket soluzioni da 4 e da 6 GB di RAM in tecnologia LPDDR4X, memoria integrata in tecnologia eMMC 5.1, un controller dedicato allo schermo che lo supporta sino alla risoluzione WQHD (2560 X 1440 pixel) e fotocamere in configurazione Dual con sensori fino a 22,6 MPX sul posteriore e fino a 13 MPX sul frontale.

Il punto è che pare proprio chiaro dai documenti che la nuova piattaforma non avrebbe nulla di meno della prestazioni erogate dall’attuale (ma ancora per poco) Snapdragon 835, anche per la parte grafica che sarà prodotta con l’ausilio dell’Adreno serie 600.

Chiaramente non possiamo affiancarlo allo Snapdragon 845, anche perché sono due generazione differenti, e non potrebbe essere diversamente!

Insomma, parliamo di SoC ad alte performance anche per la fascia media, coadiuvato da una maggior efficienza energetica e dal prezzo più contenuto rispetto alle altre soluzioni top, che poi andranno a ripercuotersi in positivo sui clienti. Appuntamento al 2018 per conoscerlo nel dettaglio!

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link