Moto G5 Plus: vale ogni singolo euro? – RECENSIONE

di Nicolò Cumerlato 0

È un’impresa ardua riuscire a scovare smartphone che rappresentino un buon connubio tra versatilità, discrete prestazioni e, soprattutto, un prezzo conveniente! Potremmo però aver trovato una possibile soluzione: che ne dite di Moto G5 Plus? È il fratello maggiore del Moto G di 5a generazione che abbiamo recensito in questo articolo e ve lo raccontiamo in questa recensione completa!

Design & Materiali

Il primo impatto è sicuramente positivo, è dotato di una scocca posteriore non rimovibile con finitura in alluminio ed è contraddistinto da 2 sottili bande in plastica poste ai lati superiore ed inferiore della scocca in grado di garantire una migliore ricezione telefonica.

Il colore grigio lunare è fantastico, ma per gli amanti delle sciccherie è disponibile anche in colorazione oro puro. Il feeling è molto buono, i materiali conferiscono robustezza e non è particolarmente soggetto a compromettenti graffi.

Purtroppo la fotocamera posteriore sporge di qualche millimetro rispetto alla scocca inficiando, almeno in parte, la stabilità del dispositivo quando viene riposto su di una superficie piana: il ballo della samba è assicurato! Se non altro il peso di 155 grammi è piuttosto contenuto e le dimensioni (grazie anche al display da 5,2 pollici) rappresentano un giusto compromesso tra un ormai fuori moda 5” e un già più imponente 5,5”.

Nel lato superiore è posto il carrellino dual nano SIM con la possibilità di aggiungere assieme alle 2 SIM anche una schedina micro SD: niente male! Nel lato destro invece sono presenti il tastino d’accensione zigrinato e il bilanciere del volume, mentre nel lato inferiore sono collocati l’ingresso micro USB per la ricarica (dove hanno messo il Type-C?), il primo microfono e il jack audio da 3.5mm.

C’è anche un piccola chicca… lo smartphone è rivestito da un nano rivestimento idrorepellente, contro gli spruzzi accidentali. Attenti però: questo non comporta l’impermeabilità del telefono!

Audio

La capsula auricolare posta nella parte superiore dello schermo (esattamente sopra alla luccicante scrittura moto) funge anche da speaker. È molto grande, dunque durante le chiamate il suono potrebbe disperdersi e potreste avere difficoltà a capire da dove effettivamente stia provenendo la voce dell’interlocutore. Funziona bene, il volume è adeguato, i bassi sono presenti e non sembra distorcere l’audio a massimo volume. Ricordate però: l’equalizzatore è il vostro migliore amico.

Hardware

Si tratta di un dispositivo medio gamma, dunque non aspettatevi risultati stratosferici nei benchmark o di poter giocare a qualsiasi creazione videoludica senza troppi intoppi: i componenti di cui dispone sono in prevalenza a ridotto consumo energetico. Il processore Snapdragon 625 octa-core a 2.0GHz fa in modo che il Moto G5 Plus non scaldi affatto e garantisce un’ottima autonomia (più avanti ne discuteremo insieme). La GPU Adreno 506 riesce a far girare i giochi meno pesanti molto fluidamente, ma il problema sono le task più onerose. Questo connubio CPU – GPU non giova alle prestazioni lato gaming. Se non fate altro che giocare dalla mattina alla sera, forse questo smartphone potrebbe non fare per voi.

Screenshot_20170428-214020 Screenshot_20170428-141602 Screenshot_20170428-141319 Screenshot_20170427-223907

Rispetto al suo fratellino Moto G5, il G5 Plus dispone di 3GB di RAM ed è disponibile con un taglio da 32GB di memoria interna. La gestione della RAM è alquanto curiosa: all’avvio del telefono risultano già occupati 1.6GB della stessa. Dunque, contando che il sistema operativo ne consuma circa 750MB, basta fare due conti e capirete presto quanta ne resta alle altre applicazioni che avvierete.

Il display è un 5.2 pollici IPS LCD con risoluzione Full HD. Non presenta difetti quali bleeding screen (tipico per schermi di questa tipologia) e i colori sono ben bilanciati. È contrastato al punto giusto e la tonalità del colore non è eccessivamente satura. Per i più esigenti è possibile impostare i colori schermo da standard a vivace o viceversa, a seconda delle necessità. L’angolo di visione è ottimo, la risoluzione è più che buona. Non dimentichiamoci che è protetto da vetro Gorilla Glass 3.

Software

Come da tradizione Motorola, a bordo troviamo l’ultima versione di Android 7.0 Nougat, con interfaccia e funzioni quasi stock. Gli unici cambiamenti sono l’aggiunta di qualche gesture (che fra poco vi enuncerò) e la modifica parziale dell’interfaccia grafica. La fluidità è garantita, l’affidabilità e la rapidità sono al top e non ho mai riscontrato alcun tipo di impuntamento o freeze casuale del sistema. Un’esperienza utente fantastica ed estremamente simile alla UX di Android stock.

Vi ho accennato poco fa della presenza di alcune gesture; tramite l’app Moto è possibile velocizzare il procedimento per compiere una determinata azione: ad esempio effettuando uno scuotimento del dispositivo si avvierà l’app fotocamera, oppure effettuando un doppio martello si accenderà o spegnerà la torcia. Nulla di più utile se si desidera immediatezza in determinate situazioni. Persino il sensore d’impronte dispone di gesture attivabili tramite apposita applicazione: questo tastino fisico non cliccabile è in grado di simulare il comportamento di una normale navbar attraverso degli swipe. Comoda funzionalità per chi avesse il pollice più pigro del solito. Il riconoscimento dell’impronta è piuttosto rapido e preciso.

Ho apprezzato inoltre la presenta del Moto Display che consente di visionare le notifiche al loro arrivo senza dover attivare lo schermo. Si comporta sostanzialmente come un always on, pur non essendo AMOLED.

Fotocamera

Avevo scritto che Moto G5 Plus è completo sotto tutti i punti di vista, o no? Infatti non si smentisce nemmeno lato fotocamera.

Posteriormente è situato un sensore da 12MP accompagnato da un dual flash e da ben 2 sensori di messa a fuoco Dual Pixel, il che rende l’autofocus più rapido del 60% rispetto a Moto G4 Plus e i sensori sono in grado di utilizzare 10 volte la quantità di pixel disponibili.

Salta subito all’occhio l’ottima definizione di foto e video e il buon comportamento dei sensori anche in condizioni di scarsa luminosità, data l’apertura di 1.7. Macro stupefacenti e da queste si denota il bellissimo effetto bokeh.

Per quanto riguarda i video, la fotocamera posteriore è in grado di registrare in 4K UHD a 30fps, Full HD a 60fps e slowmotion. C’è però una precisazione da fare in merito alla stabilizzazione digitale, che differisce in base alla risoluzione video scelta: nei video 4K si nota una notevole differenza rispetto a quelli Full HD, questi ultimi sono infatti molto meglio stabilizzati. Ma entrambe le modalità hanno una rapida messa a fuoco e un’elevata velocità di cambio esposizione.

IMG_20170429_162423253 IMG_20170503_163514085 IMG_20170428_125547417_HDR IMG_20170503_162707596_HDR IMG_20170430_205310543 IMG_20170429_171518711_HDR IMG_20170429_194321213 IMG_20170506_171427148_HDR IMG_20170503_163342416

Batteria

I suoi punti di forza non sono ancora finiti qua! Per chi è in cerca di autonomia può stare tranquillo: con i suoi 3000mAh arrivare a fine giornata con un po’ di carica residua è un gioco da ragazzi. Con un uso medio si può resistere piuttosto facilmente 2 intere giornate senza mai vedere il caricatore a muro da 5V 1.6A fornito in dotazione, in grado di ricaricare lo smartphone in un massimo di 1 ora e 20 minuti. Ciò è consentito grazie alla presenza della tecnologia di ricarica rapida Turbo Charge, che può andare da un output di 5V 1.6A fino a 12V 1.2A.

Per chi lo usasse poco, può durare nel migliore dei casi fino anche a 3 giorni consecutivi e registrare un utilizzo del display di circa 6 ore! Niente male, anzi… eccezzziunale veramente!

Screenshot_20170429-230611 Screenshot_20170429-230557 Screenshot_20170429-230554

Connettività

Il modulo di ricezione telefonica supporta il 4G LTE Advanced e il Wifi dual band (2,4GHz o 5GHz) a/b/g/n. Dispone di NFC e Bluetooth 4.2, componente a risparmio energetico. Riacquisisce il segnale dopo aver oltrepassato le zone d’ombra abbastanza rapidamente e dispone di un GPS molto preciso. Ma… c’è un piccolo problema: mancala bussola. Se vi trovate a piedi e utilizzate Google Maps, potreste trovarmi male nell’orientarvi correttamente.

Prezzo

Se siete interessati all’acquisto, potete ordinare anche voi un Moto G5 Plus su Amazon semplicemente cliccando su uno dei due pulsanti qui sotto, in base alla colorazione che preferite. Il costo sui negozi di e-commerce non supera di norma i 300 euro. Vi lasciamo, ma non dimenticatevi di guardare la video review che abbiamo pubblicato sul nostro canale YouTube!

7.9

Design & Materiali
7.5
75%
Hardware
7.5
75%
Software
8.0
80%
Fotocamera
7.5
75%
Batteria
9.5
95%
Connettività
7.0
70%
Audio
8.0
80%
Prezzo
8.5
85%

Pro

Fluidità
Fotocamera
Display
Materiali di costruzione
Fingerprint con gesture

Contro

Mancanza della bussola
Gestione RAM

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link